Documento Sud: chi ha portato l’avanguardia a Napoli

Lontani dalla vecchia e smunta immagine del golfo abitato da miseri pulcinella scanzonati, Documento Sud fu una rivista d’avanguardia non solo per il valore artistico che possedeva, ma anche per il futuro che auspicava per Napoli. Cosa resta oggi della sua missione?

Scetateve guagliune ‘e malavita. Così il primo verso di una famosa canzone di Libero Bovio – taglia in due un omino dall’intestino foglifórme frutto della mente di Guido Biasi. Ci troviamo davanti al primo numero di DOCUMENTO SUD – RASSEGNA DI ARTE E DI CULTURA DI AVANGUARDIA, edita a Napoli dal 1959 al 1961. Non a caso sulla copertina figura un uomo solo, spoglio dei suoi abiti civili, ma visto ai raggi X, grazie ad una «esplorazione intima» che mostra la sua propria “natura”: è il giardino interno dell’uomo, la potenziale primavera artistica vincolata dai costumi sociali e dalla carne.

Il Gruppo 58

I nomi dietro questa pubblicazione furono tanti e di spessore: il direttore Luca (Luigi Castellano) e poi Bruno Di Bello, Guido Biasi, Lucio del Pezzo, Mario Persico, Sergio Fergola, Mario Colucci. Membri del Gruppo 58, prosecutori del movimento nucleare fondato dal milanese Enrico Baj, avevano per corrispondenti Jacques Lacomblez da Bruxelles – direttore della rivista Edda – ed Edouard Jaguer da Parigi, promotore del movimento Phases. Il 5 giugno del ’58 sulla rivista Il Gesto – diretta da Baj fin dal 1955 – il Gruppo pubblica il suo Manifesto.

Per un’infanzia dell’arte

Il Gruppo 58 dichiara la fondazione di una nuova arte figurativa libera dall’allora preponderante tendenza metafisica, ma piuttosto di discendenza dadaista e surrealista. Auspica la nascita di una pittura antropologica, che cerca nell’uomo le sue primitive pulsioni vitali – seppellite sotto cumuli millenari di elucubrazioni intellettuali – e di una poesia attenta al presente e ai temi civili, contro quella letteratura intimistica e psicanalitica ripiegata su sé stessa di cui un pubblico necrofilo continuava a nutrirsi.

Che fine ha fatto il dibattito culturale?

Durante la mostra Gruppo58 + Baj alla galleria San Carlo viene steso le Manifeste de Naples contro il perdurare dell’astrattismo, sottoscritto – tra i tanti – da Nanni Balestrini, Edoardo Sanguineti, Antonio Porta, Emilio Villa e Stelio Maria Martini. Che ci troviamo negli anni ’60 lo capiamo bene non solo dai grandi nomi, ma anche dai toni. Oggi il dibattito culturale – se ce n’è uno – si spegne lentamente nelle assopite aule universitarie, si scontra con la mollezza degli spiriti critici di artisti e studiosi. Persiste e cresce sotto i nostri occhi ogni giorno di più, quello che definivano un «sistema critico-mercantile». Documento Sud adotta un linguaggio futurista, schietto e ironico. Valga da esempio la rubrica Invettive, in cui nel primo numero, l’architettura coeva viene definita «un aggregato di ipocrite scatole con presunzioni igienico-sociali».

Ogni finale è un nuovo inizio

Il sesto e ultimo numero si apre con una nuova chiamata alle armi. Il nemico additato è l’atarassia che lega la forza creativa nascosta tra le mani di Napoli che «con la vostra incorreggibile miopia, con la vostra incapacità di sperare e – ancor di più – con la vostra incapacità di disperare» resta un potenziale inespresso. Con questo numero, nel ’61, Documento Sud chiude i battenti. Nel 1963 si parte con Linea Sud, in cui un ruolo fondamentale avranno Castellano, Persico e Martini ma questo è un sequel della storia che non vogliamo svelarvi per intero. In ogni caso Documento Sud fu la prima rivista di avanguardia poetica e artistica del Mezzogiorno. Prima del 1959 – a Napoli – nessun editore, letterato, gallerista o filantropo aveva permesso ad artisti emergenti di dialogare con i fautori dei movimenti di spicco d’oltralpe.

Scetateve!

La commistione di elementi verbali e visuali è la cifra più interessante. Bagarì condivide la promessa civica del primo editoriale: il Gruppo 58 si impegna «affinché attraverso il nostro lavoro si possa trovare una qualche luce anche per il nostro SUD». Non è un semplice invito alla lettura, ma un fomentato invito alla rivolta. Con Avanguardia Poetica Mediterranea, Bagarì persegue quella stessa luce. Rispondere alle urgenze del proprio tempo è la missione. Il mezzo? L’arte e la poesia d’avanguardia. È una strada tutta in salita. Lo era per il Gruppo 58 e lo è ancora oggi. Ma per fortuna è ancora percorsa da qualcuno.

Dove sono i matti (dopo la Legge Basaglia)?

Nel 1975 un gruppo di pazienti dell’ospedale psichiatrico di Trieste, grazie ad un’iniziativa
promossa da Franco Basaglia, effettuò un volo in aeroplano sulla città, ripreso dalle telecamere del
regista Silvano Agosti. Come recitano i titoli di testa del docu-film, quello era uno dei tanti modi
per uscire dal manicomio. Ma cosa ha significato davvero la chiusura degli ospedali psichiatrici?
Cosa è cambiato dopo la Legge Basaglia nella vita di chi soffre di un disturbo mentale? E in che
modo è mutata in questi ultimi quarant’anni l’idea stessa che l’opinione pubblica ha del “matto”? A
queste domande, noi di Bagarì Edizioni proviamo a rispondere parlandone con la Dottoressa
Annapaola Mazza, tecnico della riabilitazione psichiatrica. Intervista a cura di Emanuela Graziano.

Dentro i manicomi ci sono sempre state due cose: l’orrore e gli esseri umani. Questa è la
considerazione espressa da una delle più strette collaboratrici di Basaglia, intervistata dalle
telecamere di Agosti. Cosa comportava la situazione legislativa prima dell’approvazione della
Legge 180?

Dott.ssa Annapaola Mazza: Se risaliamo alle prime legislazioni in materia psichiatrica notiamo che
esse si basavano sull’idea, preconcetta, che fosse infondata l’ambizione di curare la malattia
mentale, di conseguenza ci si limitava alla reclusione del soggetto. Ne è dimostrazione la legge del
14 Febbraio 1904 che recita più o meno così: «debbono essere custodite e curate nei manicomi le
persone affette per qualunque causa da alienazione mentale, quando siano pericolose a sé o agli
altri o riescano di pubblico scandalo e non siano e non possano essere convenientemente custodite
e curate fuorché nei manicomi.» In quella fase storica, le procedure, una di tipo ordinario e una di
tipo straordinario, erano affidate alle autorità giudiziarie e di pubblica sicurezza. Gi internati
venivano addirittura iscritti al Casellario Giudiziario!

È in questo clima tendente all’emarginazione del diverso che lo psichiatra Franco Basaglia
concepisce un tipo di riabilitazione inclusiva e non prettamente farmacologica. Nel 1978 viene
approvata la Legge 180 di riforma psichiatrica che apre finalmente le porte dei manicomi. È
riuscita almeno in parte ad avvicinare – non solo fisicamente – il malato agli altri membri
della sua comunità?

Dott.ssa Annapaola Mazza: Con la Legge Basaglia si assiste ad un’avanguardistica e coraggiosa
revisione culturale e tecnica del concetto di “follia” abbinata ad un’applicazione pratica di
trattamenti atti alla cura e alla riabilitazione di persone affette da disturbo psichico al di fuori del
manicomio. Un punto importante, da segnalare in modo particolare come innovativo e pioneristico
della legge è quello di sfidare il pregiudizio culturale circa la patologia psichiatrica e di
promuovere una nuova immagine sociale della persona colta da disturbi psichici. A livello
culturale penso si sia passati attraverso una maggiore sensibilizzazione che ha portato la
popolazione a vedere il paziente psichiatrico non più come “pericoloso per sé e per gli altri” ma
addirittura come foriero di opportunità.

Tra gli immediati effetti della Legge 180 c’è, quindi, la chiusura dei manicomi come centri di
“reclusione medicalizzante” del paziente e, di conseguenza, il suo ingresso in società. Come è
stato accolto? Il livello di sensibilizzazione raggiunta, secondo lei, è sufficiente?


Dott.ssa Annapaola Mazza: A mio parere è avvenuto solo in parte e solo per alcune situazioni: si
pensi, ad esempio, al fatto che la parola “schizofrenia” ancora suscita timore ed ancora implica
connotazioni prettamente negative, nel linguaggio comune; d’altra parte negli ultimi anni si è
andata affermandosi nella cultura popolare la tendenza di abbinare a certe patologie, come alcune
forme di autismo o il disturbo bipolare, i tratti distinti del Genio. Nulla di realmente nuovo: è un cliché facilmente rintracciabile ripercorrendo a ritroso le tappe della nostra stessa cultura; eppure,
sarebbe erroneo non cogliere la specificità di questo fenomeno con le sue implicazioni profonde. Ai
fini del nostro discorso, sarebbe sufficiente notare quanto la diffusione di certe idee, sicuramente
banalizzanti, faccia capo ad una visione “nobilitante” della malattia che non può prescindere,
tuttavia, da una parziale “esorcizzazione” della patologia dalle connotazioni negative
tendenzialmente attribuite. Esistono infatti interventi specifici contro lo stigma volti ad in-formare
la popolazione generale, gli utenti, i familiari e, talvolta, gli operatori stessi che, fa strano, è stato
dimostrato da studi scientifici essere, in alcuni casi, importanti portatori di stigma.


La Legge scardinava dalle fondamenta dell’ordinamento giuridico, non soltanto procedure
alienanti e inefficaci, ma anche un antico retaggio culturale. Condannava finalmente i metodi
costrittivi attuati nei manicomi proponendo metodi creativi. Il progetto messo in moto da
Franco Basaglia può dirsi concluso?


Dott.ssa Annapaola Mazza: È sbagliato credere che la situazione sia del tutto rosea perché è
ancora in corso una lunga battaglia portata avanti da utenti, famiglie e operatori; siamo lontani
dall’essere arrivati ad un punto di reale comprensione, trattamento e riabilitazione, siamo dunque
ancora in piena crescita. Io parlo da operatrice ma penso si stia facendo quello che è possibile per
favorire l’apertura nei riguardi dell’Altro.

Il mondo brucia nel silenzio. Da gennaio ad agosto 2019, andati in fumo 5 milioni di ettari di vegetazione.

«Io sono me più il mio ambiente, se non preservo quest’ultimo non preservo me stesso».

Con questa emblematica frase, Jose Ortega y Gasset, provava nel 1914 a sensibilizzare le persone su una questione di estrema importanza, la tutela della natura e dei suoi frutti, allora non ancora impellente. A distanza di 105 anni da queste parole, i cosiddetti polmoni della Terra stanno bruciando, incessabilmente, contemporaneamente ed inesorabilmente.

Cosa sta succedendo realmente nel mondo?

Il 2019 è stato, fino ad ora, un anno molto duro per il nostro pianeta e le cose, purtroppo, non sembrano destinate a migliorare. Dall’inizio dell’anno in diverse aree verdi del pianeta tra Sud America, Siberia, Sud-Est asiatico ed Africa si sono infatti registrati migliaia di incendi ogni mese. Nella sola Amazzonia stando ai dati forniti dall’INPE, l’istituto brasiliano che si occupa delle indagini spaziali, gli incendi totali nel 2019 sono stati da gennaio ad agosto 84957, per una media di circa 350 incendi al giorno che hanno coinvolto Brasile, Perù, Argentina, Bolivia e Paraguay. Nelle zone forestali della Siberia e della tundra dell’Alaska, della Groenlandia e dell’Artico, nel solo mese di agosto, sono andati a fuoco oltre 5 milioni di ettari di vegetazione, ovvero poco meno dell’intero patrimonio forestale italiano. Grazie ad una fotografia scattata dalla FIRMS, il centro dati della NASA, è possibile rendersi conto della reale situazione in cui la Terra riversa, dato che ogni singolo incendio attivo è riportato sull’atlante con un puntino rosso.

Ovviamente non si tratta di soli incendi spontanei, maggiori in Siberia dove il numero di fulmini e di piante secche è notevolmente aumentato per via del riscaldamento globale, ma sono di fatto numerosissimi i casi di roghi appiccati con dolo. Roghi che, per via dell’aumento delle temperature e della siccità prolungata, si propagano con facilità disarmante e risultano quasi impossibili da estinguere.  In Amazzonia tutto è dovuto alla crescente deforestazione necessaria alla produzione agricola ed industriale, così come in Indonesia, laddove le autorità hanno puntato il dito contro i produttori di olio di palma colpevoli di voler ampliare le zone di coltivazione. Caso diverso, invece, quello dell’Africa poiché nelle zone più colpite, ovvero quelle limitrofe alla Savana in cui è presente un bioma erboso, la causa scatenante non è la deforestazione ma la fertilizzazione. Inoltre è stato dimostrato come la tecnica dello slash and burn permetta realmente di rinnovare la vegetazione grazie alla cenere che si deposita sul terreno, limitando il problema esclusivamente all’emissione di CO2.

L’indifferenza istituzionale

Una simile situazione, se si tiene conto degli innumerevoli problemi che la Terra sta affrontando dal punto di vista ambientale, necessiterebbe di un pronto intervento delle istituzioni e di una reale volontà di trovare una soluzione, invece si è costretti ad osservare allibiti l’indifferenza, se non la connivenza, delle figure istituzionali e di conseguenza, neanche a dirlo, della popolazione tutta. Basti pensare alla figura di Jair Bolsonaro, reo di aver ridotto le sanzioni per la deforestazione dell’area ora soggetta agli incendi e di aver licenziato il direttore dell’INPE accusandolo di aver falsificato i dati, oppure a tutti i criminali, al soldo dei latifondisti, disposti ad incendiare la propria terra. Il nostro habitat naturale, l’unico pianeta attualmente conosciuto sul quale è possibile la vita, sta bruciando senza sosta, creando un circolo vizioso che si autosostenta. Un circolo vizioso in cui gli incendi sono alimentati dalle temperature sempre più alte, le emissioni di CO2 dovute agli incendi creano i presupposti per un ulteriore aumento di temperatura e così via all’infinito fino ad arrivare a quello che viene solitamente definito Tipping Point, il momento in cui il processo di trasformazione di una foresta in savana diviene irreversibile. E il tempo a nostra diposizione per invertire il processo continua ad esaurirsi.

Napoli, tra spazi alienati e spazi di riappropriazione

È impossibile uno studio delle contraddizioni di Napoli senza tener conto del contesto urbano in cui si sviluppano: strade, abitazioni e vicoli costituiscono il reparto di ostetricia in cui le contraddizioni partenopee partoriscono i propri figli.

Le tante contraddizioni che contraddistinguono la vita quotidiana della città di Napoli non possono essere affatto studiate e prese in considerazione senza considerare il tessuto urbano entro cui si sviluppano.

Non si tratta semplicemente di osservare la struttura delle vie di Napoli, ma anche e soprattutto di come si inseriscono in esse esercizi commerciali, laboratori e abitazioni e, di conseguenza, che tipo di vita si è radicato in quei luoghi e quali sono le reazioni.

Che lo spazio sia un luogo fondamentale della produzione di potere è reso noto dalle teorizzazioni, dalle analisi e dagli studi di M. Foucault, ed è innegabile che un tale pensiero si rispecchi in qualsiasi contesto cittadino e non. A Napoli la cosa è palese: negli spazi che ne caratterizzano in particolar modo il centro storico le produzioni di potere sono molteplici, tutte confliggenti per emergere sulle altre, risultando in una fantasmatica apparenza dei luoghi che conferisce loro un fascino peculiare per cui è famosa la città.

Il centro storico di Napoli: un campo di battaglia simbolico

La maggior parte degli spazi che caratterizzano il centro storico della città, infatti, sono progettati e strutturati per una socializzazione chiusa, per un connubio tra associazionismo civile e intervento del potere che, almeno idealmente, dovrebbero essere complementari: l’associazionismo civile dovrebbe intervenire negli spazi che il potere lascia liberi, e, parimenti, il potere non dovrebbe perseguire questa ultima forma.

Si tratta di soluzioni proprie di stadi dell’evoluzione storica della società che oggi non sono più tollerati dall’attuale strutturazione e organizzazione del potere: la pressione della totale amministrazione dello spazio e del tempo che le attuali forme di controllo e di dominio del potere impongono al corpo sociale trovano, nel contesto urbano del centro storico di Napoli, una notevole fonte di attrito.

Le strette viuzze che caratterizzano i quartieri così come i cortili interni della maggior parte dei palazzi fungono da barriere, mentre le piccole piazze che intervallano l’altrimenti monotona scacchiera viaria, invece, sono i veri e propri campi di battaglia di questo scontro invisibile, il luogo ove l’associazionismo e il potere si fanno violenti, non solo nel concreto ma anche e soprattutto alla vista: il presidio dell’esercito o delle reazioni cruente al potere parlano da sole.

La reazione all’alienazione dello spazio

A questa prima contrapposizione interna se ne aggiunge una seconda, ovvero i numerosi processi di personalizzazione degli spazi alienati da gentrificazione e conflitti per il controllo dei luoghi: i numerosissimi graffiti, da quelli di semplice messaggistica a quelli grafici o semplicemente firme di determinati gruppi, testimoniano una rete sotterranee di ri-personalizzazione dello spazio, come Baudrillard aveva compreso fin dagli anni ’80 del Novecento.

La nomenclatura viaria, segno del potere ufficiale sull’assetto stradale, infatti, viene contrastata proprio da questa nomenclatura secondaria dei graffiti, per cui lo spazio si riempie di significati altri, personali, o dai nomi secondari con cui quel luogo diviene noto ai residenti, appropriazione di quel posto da parte dell’associazionismo civile che ancora sopravvive.

Una delle considerazioni fondamentali da dover fare, di conseguenza, sulle città caratterizzate da una complessità di contraddizioni che, spesso e volentieri, trovano nella violenza la scorciatoia espressiva per una propria legittimazione ufficiale, è che la preservazione dell’ambiente immacolato agisce più come un ulteriore agente repressivo della vita sociale e delle libertà che sono suggerite dalla stessa conformazione urbanistica.

Il graffito rispecchia una precisa esigenza espressiva e la sua educazione piuttosto che la sua repressione ideologica potrebbe aiutare a risolvere alcune di queste contraddizioni, evitando che l’azione violenta della repressione delle forme di associazione che non intendono assoggettarsi al potere ma che vogliono agire indipendentemente e parallelamente ad esso, sfoci in altrettanti violenti atti.

Il fallimento delle città-gioiello: la morte

La città gioiello, infatti, testimonia di un riferimento simbolico che è, non a caso, come tutti i gioielli, connesso alla morte: l’evidenza di questa simbologia lo si ha nel destino che ha colpito tutte le città ove la preservazione ha preso il sopravvento sulla vitalità del proprio contesto urbano.

A Napoli l’operazione di imbellettamento, associata al turismo spregiudicato, è destinata ad un tragico fallimento, e la drammaticità dell’esplicitazione delle contraddizioni sotterranee è solo una premonizione dell’ancor più violenta reazione che potrebbe comportare la decisione barbara di ignorare i conflitti e proseguire nella cieca tendenza dell’industria del turismo culturale.