L’origine del fenomeno delle Baby Gang

Uno dei fenomeni “negativi” legati alla città di Napoli è quello delle baby gang. I media divulgano spesso notizie riguardanti gli atti di violenza di questi ragazzi. Ma esiste da parte delle amministrazioni una reale riflessione che porti alla radice del problema?

Chiunque abbia mai seguito un telegiornale o, semplicemente, frequenti i social network si è imbattuto certamente in notizie riguardanti le cosiddette baby gang. Questa definizione è stata creata per descrivere gli atti violenti di ragazzini, un titolo per individuare in maniera sintetica una problematica. Ma come ci si pone rispetto ad essa? Siamo talmente abituati a dividere il mondo in “buoni” e “cattivi” che la soluzione, assolutamente semplicistica, sembra essere unica: la condanna e colpevolizzazione di tali gesti.

Disegno di Nadia Fedele

Ovviamente è impensabile una considerazione positiva di questo fenomeno, tuttavia puntando semplicemente il dito sembra impossibile arrivare alla radice del problema. Per non essere superficiali nell’analisi della questione è necessario chiedersi: Da dove proviene tutta questa rabbia? Perché questo stile di vita, per i giovani che crescono in determinati contesti, sembra essere diventato una tendenza incessante?


Il padre di questo fenomeno: il consumismo

Andare all’origine del problema non è un’operazione semplice, tuttavia in Lettera al Ministro, la nascita di questo fenomeno è attribuita all’atteggiamento consumistico ed edonistico in cui è immersa la nostra società. Quest’analisi, condivisa ed approfondita anche nella post-fazione da padre Alex Zanotelli, rappresenta il punto di partenza per analizzare in maniera efficace il problema. Nel caso di Napoli, non tutti fanno caso ad un fenomeno assai evidente: una città divisa in due, una polarizzazione che aumenta vertiginosamente. Una Napoli divisa nella cosiddetta “Napoli bene” e in quella dei contesti sociali caratterizzati da violenza e camorra. L’ambizione di una vita caratterizzata dal consumo eccessivo di beni materiali, dall’abbondanza; il perseguimento di un modello di vita agiata, costantemente presente nei media, comporta inevitabilmente un’incontrollabile corsa al guadagno. Tuttavia, per chi vive in contesti disagiati, non è possibile accedere alle stesse possibilità degli altri. La conseguenza è ovvia: chi non può accedere a tali privilegi con le “buone”, provvede con le “maniere forti”; la soluzione è la violenza. Quest’ultima, quindi, è spronata dalla consapevolezza di questi giovani che anche loro, come gli altri, hanno diritto allo stesso stile di vita dell’abbondanza.

L’ultima spiaggia per affrontare realmente il problema

Dunque, la semplicistica condanna e colpevolizzazione di tali gesti da parte della società e delle amministrazioni non è fondata su una reale riflessione sulla radice del problema; ma cosa comporta tutto ciò? Un totale isolamento dei contesti sociali che diventano in tal modo terreno fertile per fenomeni del genere. L’emarginazione di questi ragazzi è ciò che rende incessante l’aumentare del fenomeno baby gang. La condanna dell’ignoranza, l’incremento della distanza (o addirittura totale spaccatura) tra due ceti che diventano sempre più diversi, l’aumento costante della rabbia di questi ragazzi: queste sono le conseguenze di questo isolamento. È ancora possibile porre rimedio a questo circolo vizioso? È così difficile abbandonare un atteggiamento in cui sono “i soldi a fare l’uomo onesto”? La soluzione, ancora una volta, potrebbe essere la cultura.

Quest’ultima, infatti, si presenta come quel territorio neutro in cui è possibile comunicare e, possibilmente, ricucire questa rottura. Rendere accessibili a tutti le molteplici strade dell’educazione rendono possibile la lotta al consumismo. Tutto ciò non può avvenire nel momento in cui si condannano fenomeni del genere, evitando une reale riflessione della problematica, istituendo piuttosto titoli come “baby gang” che non fanno altro che alimentare la paura delle persone, dilatando la distanza tra “noi” e “loro”, o meglio facendo in modo che iniziamo a credere nell’esistenza di un “noi” e di un “loro”.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *