Napoli, tra spazi alienati e spazi di riappropriazione

È impossibile uno studio delle contraddizioni di Napoli senza tener conto del contesto urbano in cui si sviluppano: strade, abitazioni e vicoli costituiscono il reparto di ostetricia in cui le contraddizioni partenopee partoriscono i propri figli.

Le tante contraddizioni che contraddistinguono la vita quotidiana della città di Napoli non possono essere affatto studiate e prese in considerazione senza considerare il tessuto urbano entro cui si sviluppano.

Non si tratta semplicemente di osservare la struttura delle vie di Napoli, ma anche e soprattutto di come si inseriscono in esse esercizi commerciali, laboratori e abitazioni e, di conseguenza, che tipo di vita si è radicato in quei luoghi e quali sono le reazioni.

Che lo spazio sia un luogo fondamentale della produzione di potere è reso noto dalle teorizzazioni, dalle analisi e dagli studi di M. Foucault, ed è innegabile che un tale pensiero si rispecchi in qualsiasi contesto cittadino e non. A Napoli la cosa è palese: negli spazi che ne caratterizzano in particolar modo il centro storico le produzioni di potere sono molteplici, tutte confliggenti per emergere sulle altre, risultando in una fantasmatica apparenza dei luoghi che conferisce loro un fascino peculiare per cui è famosa la città.

Il centro storico di Napoli: un campo di battaglia simbolico

La maggior parte degli spazi che caratterizzano il centro storico della città, infatti, sono progettati e strutturati per una socializzazione chiusa, per un connubio tra associazionismo civile e intervento del potere che, almeno idealmente, dovrebbero essere complementari: l’associazionismo civile dovrebbe intervenire negli spazi che il potere lascia liberi, e, parimenti, il potere non dovrebbe perseguire questa ultima forma.

Si tratta di soluzioni proprie di stadi dell’evoluzione storica della società che oggi non sono più tollerati dall’attuale strutturazione e organizzazione del potere: la pressione della totale amministrazione dello spazio e del tempo che le attuali forme di controllo e di dominio del potere impongono al corpo sociale trovano, nel contesto urbano del centro storico di Napoli, una notevole fonte di attrito.

Le strette viuzze che caratterizzano i quartieri così come i cortili interni della maggior parte dei palazzi fungono da barriere, mentre le piccole piazze che intervallano l’altrimenti monotona scacchiera viaria, invece, sono i veri e propri campi di battaglia di questo scontro invisibile, il luogo ove l’associazionismo e il potere si fanno violenti, non solo nel concreto ma anche e soprattutto alla vista: il presidio dell’esercito o delle reazioni cruente al potere parlano da sole.

La reazione all’alienazione dello spazio

A questa prima contrapposizione interna se ne aggiunge una seconda, ovvero i numerosi processi di personalizzazione degli spazi alienati da gentrificazione e conflitti per il controllo dei luoghi: i numerosissimi graffiti, da quelli di semplice messaggistica a quelli grafici o semplicemente firme di determinati gruppi, testimoniano una rete sotterranee di ri-personalizzazione dello spazio, come Baudrillard aveva compreso fin dagli anni ’80 del Novecento.

La nomenclatura viaria, segno del potere ufficiale sull’assetto stradale, infatti, viene contrastata proprio da questa nomenclatura secondaria dei graffiti, per cui lo spazio si riempie di significati altri, personali, o dai nomi secondari con cui quel luogo diviene noto ai residenti, appropriazione di quel posto da parte dell’associazionismo civile che ancora sopravvive.

Una delle considerazioni fondamentali da dover fare, di conseguenza, sulle città caratterizzate da una complessità di contraddizioni che, spesso e volentieri, trovano nella violenza la scorciatoia espressiva per una propria legittimazione ufficiale, è che la preservazione dell’ambiente immacolato agisce più come un ulteriore agente repressivo della vita sociale e delle libertà che sono suggerite dalla stessa conformazione urbanistica.

Il graffito rispecchia una precisa esigenza espressiva e la sua educazione piuttosto che la sua repressione ideologica potrebbe aiutare a risolvere alcune di queste contraddizioni, evitando che l’azione violenta della repressione delle forme di associazione che non intendono assoggettarsi al potere ma che vogliono agire indipendentemente e parallelamente ad esso, sfoci in altrettanti violenti atti.

Il fallimento delle città-gioiello: la morte

La città gioiello, infatti, testimonia di un riferimento simbolico che è, non a caso, come tutti i gioielli, connesso alla morte: l’evidenza di questa simbologia lo si ha nel destino che ha colpito tutte le città ove la preservazione ha preso il sopravvento sulla vitalità del proprio contesto urbano.

A Napoli l’operazione di imbellettamento, associata al turismo spregiudicato, è destinata ad un tragico fallimento, e la drammaticità dell’esplicitazione delle contraddizioni sotterranee è solo una premonizione dell’ancor più violenta reazione che potrebbe comportare la decisione barbara di ignorare i conflitti e proseguire nella cieca tendenza dell’industria del turismo culturale.

L’arte affonda ma non annega, parola di Blub

Sono apparsi di recente sui muri di Spaccanapoli 40 volti noti della storia e della cultura popolare armati di maschera da sub. Il progetto, realizzato dall’artista fiorentino Blub, si chiama “l’arte sa nuotare”.

Vi siete, per caso, chiesti quale messaggio si nasconde dietro i piccoli acquari umani disseminati in città? Lo abbiamo chiesto direttamente al loro ideatore.

Ti chiedo innanzitutto qualcosa sulla tua formazione. In che modo ti sei avvicinato all’arte e in particolare alla street art?
Ho effettuato studi d’arte consueti: l’istituto d’arte di Porta Romana e poi l’Accademia delle Belle Arti, a Firenze. Non è che mi sono avvicinato all’arte, ha sempre fatto parte della mia vita. È stata una confluenza di eventi che mi ha portato a realizzare questo progetto per strada.

Hai di recente installato 40 opere nel centro storico di Napoli. Come mai questa città?
È da un po’ che ci stavo pensando, Napoli è bellissima non solo per la sua storia ma per l’atmosfera che vi si respira, vivace e allegra. Mi sono innamorato di lei!

I cittadini si stanno interessando molto alla tua arte, lo si evince dagli scatti pubblicati sui social in questi giorni. Ti aspettavi tutta questa attenzione?
Cerco di non avere aspettative, lo faccio per il gusto di farlo, aggiungere del mio e condividerlo con tante persone che neanche conosco. Questo ci unisce. Il fatto di ricevere dei feedback positivi da parte di sconosciuti mi spinge a continuare.

In base a quale criterio scegli i personaggi storico-artistici da rappresentare?
I personaggi devono aver lasciato un segno di grandezza e ispirazione, persone comuni che si sono elevate e hanno contribuito con il loro esempio a creare un mondo migliore, ma seguo anche un criterio estetico e sto attento che la maschera da sub doni o meno ad un certo personaggio.

Mi ha incuriosito molto il fatto che tu spesso ritorni sulle opere per un restauro, che è una pratica esplicitamente museale in quanto la street art è per definizione temporanea. Credi che la street art stessa si stia evolvendo verso qualcosa di diverso dalla sua concezione originale?
Quando mi è possibile faccio un piccolo restauro, chiamiamolo così. Il tempo non si ferma. Le cose come le vediamo oggi, domani saranno viste diversamente. Una definizione  della street art non saprei dartela, è un movimento così ampio, e non ho neanche gli strumenti per farlo sinceramente. Mi definisco street artist “per convenienza” visto che opero in strada, tutto qui. Lascio le definizioni a chi ne sa più di me. Per quanto mi riguarda non faccio della street art un’occasione di condanna al sistema. Per me è uno strumento che dà un punto di vista più leggero sulle cose. È un invito a non prendersi troppo sul serio e un omaggio a tutte le città che mi “ospitano”.

Concentrandoci sul progetto “l’arte sa nuotare”, credo che l’ambientazione subacquea sia perfettamente in linea con la crisi sociale che i paesi del Mediterraneo vivono negli ultimi anni. È anche una forma di denuncia politica, la tua? In particolare trovo molto efficace la tua versione de “La Creazione di Adamo”. La scelta di riportare dal dipinto originale le sole mani dei protagonisti ridimensiona la figura di Dio a quella di un uomo che negli abissi marini soccorre un altro uomo?
Non faccio nessuna denuncia politica, considero il mio un contributo più estetico che etico. Ma riguardo “La Creazione di Adamo” è come dici tu. Noi siamo solo una particella di Dio ma non ne siamo consapevoli e ci arrabattiamo per le nostre piccole faccende quotidiane. Se riconoscessimo in noi quanto potenziale c’è, prenderemmo la vita con più semplicità seguendo le nostre ispirazioni.

E invece riguardo ai progetti futuri, dove ti troveremo e a cosa stai lavorando?
Non faccio progetti a lungo termine, le cose avvengono da sé, mi lascio trasportare… per l’appunto ancora a Napoli.